Grazie all’energia potenziale dell’acqua dovuta alla differenza di quota tra il punto di prelievo ed il punto di restituzione della stessa, è possibile produrre energia elettrica tramite le turbine idrauliche, le quali trasformano l’energia potenziale in cinetica, e quindi grazie ad un alternatore, producono energia elettrica. Quella idroelettrica è stata la prima fonte di energia che ha permesso lo sviluppo del sistema energetico italiano e ad oggi è la prima tra le fonti rinnovabili nel nostro paese. Tersia ha avviato le sue attività con il rifacimento totale di una centrale idroelettrica inserita nelle opere idrauliche a servizio di un acquedotto, a dimostrazione delle proprie capacità ad intervenire in contesti delicati come quelli dell’acqua potabile, che deve mantenere inalterate le proprie caratteristiche chimico fisiche anche dopo il suo utilizzo nella centrale idroelettrica. Al contempo, tale soluzione impiantistica risulta la più qualificante dal punto di vista ambientale, in quanto non sottrae alcuna risorsa all’ambiente poiché sfrutta l’acqua comunque prelevata a fini idropotabili. Attualmente operiamo a tutto campo nel settore dell’idroelettrico, dall’ottenimento di nuove concessioni al revamping/repowering di centrali già esistenti, alla costruzione di centrali ex novo.